The English Theatre of Rome: provini  & coming soon.

Nicolas Piaia, assistente di produzione
Gaby Ford, direttore artistico
The English Theatre of Rome
www.rometheatre@yahoo.com
 
 
AUDITIONS
The English Theatre of Rome’s seasonal auditions will be held at Teatro l’Arciliuto, at P.za montevecchio 5 on Thursdays  December 4th and 11nth  from 3 to 5 pm and from 5 to 7pm. We are casting for a musical review, and Harold Pinter’s “The Birthday Party”directed by Gaby Ford, as well as the for the third part of “WOW, MOM” series, an evening of modern monologues.
The actors selected for the final part of this trilogy directed by Matthew Reynolds will be given the opportunity to develop improvisational and writing skills. Email: rometheatre@yahoo.com for an appointment stating which 2 hour time range you’d prefer. Please prepare a monologue of 1 to 3 minutes and if interested in the musical review, prepare a song.  www.rometheatre.com
 
 
COMING SOON a not only English show…
in collaboration with Teatro l’Arciliuto,
The English Theatre of Rome presents
a bilingual concert
“The Bridge”
An Italian heart for American Music
A musical performance in English and Italian which explores the evolution of popular and theatrical music between two continents in the last century.
Join Daniela Romacker, Mario Cavaceppi, Enzo and Giovanni Samaritani on a melodious voyage from Italy to America through the world wars to today up alongside the musical development and influence of American music in Europe.
Enzo’s grandfather emigrated to America arriving at Ellis Island May 12, 1902 on the ship “Caramania”. His mother was born in Pittsburgh Octobre 1, 1905. The family returned to Italy in the summer of 1908.
 
Thursday December 4, 2008, ore 21
Friday December 5, 2008, ore 21
Teatro l’Arciliuto, p.za montevecchio 5 (near p.za Navona)
reserve 06,6879419, Email:  rometheatre@yahoo.com
from 8:30pm aperitivo with wine: 15 euro, students:12 euro
 
PROVINI
Il teatro inglese di Roma sta per comminciare i suoi provini che si svolgerano al teatro  l’Arciliuto, 5 piazza montevecchio, i giovedi 4 e 11 Dicembre dalle 15h alle 17h e dalle 17h alle 21h. I provini sono per tre spettacoli; un caberet musicale, “The birthay party” di Harold Pinter, ed una serata sui monologhi moderni dalla trilogia “WOW, MOM”. Gli attori selezionati per la terza parte di questa trilogia diretta da Matthew Reynolds avranno la possibilita di svillupare le lore competenze d’improvisazione e di  scrittura.
Vi preghiamo di preparare un monologo di 1 a 3 minuti e se siete interessati dal cabaret prepararate anche una canzone. Mandate un email a rometheatre@yahoo.com  per prendere un appuntamento dicendo le vostre disponibilita (in una forchetta di due ore).
 
 
                   
“COMING SOON”:
in collaborazione con il Teatro L’Arciliuto, The English theatre of Rome presenta
Il Ponte
Un cuore Italiano per la musica Americana
Un Recital musicale bilingue Inglese-Italiano che racconterà la storia della
evoluzione musicale popolare e teatrale avvenuta tra due continenti nell’ultimo centenario. Un racconto che farà conoscere le difficoltà di un lungo viaggio durato
quaranta giorni ma che copre più di cento anni di storie umane tra l’Italia
e l’America. Daniela Romacker e Mario Cavaceppi, Enzo Samaritani e suo figlio Giovanni, faranno un viaggio nella favola musicale che si è sviluppata dal primo novecento ai nostri giorni nella influenza creativa che si è determinata tra l’America e L’Europa.
Le radici musicali delle migrazioni, nella memoria dei sentimenti e “Il Ponte”
che si è creato tra i due continenti.
 
La nonna di Enzo emigrò in America ad Ellis Island il 12 Maggio 1902 sulla Nave ” Caramania ” e sua Madre nacque in Pittsbourg il  1° Ottobre 1905,
La famiglia ritornò in Italia nell’estate del 1908.
 
giovedi 4 dicembre, 2008, ore 21
venerdi 5 dicembre, 2008, ore 21
Teatro l’Arciliuto
p.za montevecchio 5
prenotare: 06.6879419, Email:  rometheatre@yahoo.com
dal 8:30 l’aperitivo con vino: 15 euro, ridotto 12.
 
 
Il titolare del trattamento dei dati è The English Theatre of Rome con sede in Roma, a Lei competono i diritti di cui all’art.7 del codice della privacy.
Se non desiderate più ricevere informazioni da noi, mandate una e-mail a rometheatre@yahoo.com con la scritta ‘Rimozione dalla lista’ come oggetto. Grazie 
 

Continua a Leggere

DIPENDENZE SENZA SOSTANZA

della Dottoressa Gianna Porri

Le dipendenze senza sostanza cominciano ad essere molte, dallo schopping compulsivo, alla tv dipendenza alla Internet dipendenza. Oggi parleremo della Internet dipendenza, Internet è la più grande scoperta degli ultimi anni, ci concede di comunicare in tempo reale e di avere tutto il mondo a disposizione con un clik Come al solito l’uso che se ne fa può essere malato, ci sono persone che stanno 10 ore al pc, sono conosciuti casi di flebite da pc, si dimenticano anche di mangiare o mangiano ad ore impossibili, non riescono a staccarsi dal pc. Ciò che dà più dipendenza sono le chat, i blog, i siti di incontri meno, ma anche quelli hanno la loro parte, per non parlare di You Tube dove si può stare ore a scaricare film e musica. La chat in particolare può rivelarsi anche pericolosa, poiché si può assumere una identità fittizia chi la assume corre il rischio di identificarsi con essa sperimentando una spersonalizzazione, ma il pericolo più grande lo corre chi la subisce e qui entrano in gioco i pedofili che spesso si travestono da bambini per agganciare la preda e avere così un appuntamento dove stuprare il bambino. Non è consigliabile da parte dei genitori lasciare chattare il bambino da solo, non parlo di un controllo poliziesco, ma di trasformare la loro presenza in un gioco, chattare insieme, divertirsi delle risposte e soprattutto mettere in guardia il bambino dall’incontrarsi con persone conosciute in chat. La chat poi può essere la sede di molte perversioni, esibizionismo, molti mostrano il loro organo genitale godendo dell’effetto che fa, e vojerismo, molti pregano e strapregano per vedere un pezzo di seno e anche di più, questi soggetti usano poi queste immagini per una sessualità masturbatoria. Sono persone malate, incapaci di avere un rapporto sessuale normale, la masturbazione in sé non è un male, ma usare l’immagine di un altro e limitarsi solo a quell’attività è nettamente patologico. Io ho un paziente sposato che da 7 anni fa solo la sessualità in chat, avendo una moglie a portata di mano, potete capire quale perversione affligga questa persona e le perversioni non si curano perché sono ego sintoniche, infatti il paziente è venuto per tutt’altra cosa e non considera affatto perverso il suo modo di fare la sessualità, così come il pedofilo non si sente minimamente in colpa per ciò che fa, spesso è stato lui stesso un bambino abusato e fa attivamente ciò che ha subito passivamente. Ovviamente le categorie più a rischio sono bambini e adolescenti, molti uomini per esempio si fingono donne e mandano foto di donne nude esortando la ragazza a mostrarsi nuda (Tanto fra donne) Come vedete le trappole sono molteplici e la chat, che in sé stessa non è che un mezzo di comunicazione anche divertente può diventare anche un mezzo di prostituzione, quante ragazze fanno sesso in cam per una ricarica telefonica?. Viene da dire gli adolescenti questi sconosciuti, la brava studentessa la sera si trasforma in una venditrice della propria immagine con i genitori nella stanza accanto, i quali non dovrebbero mai lasciare che i ragazzi si chiudano in camera con il pc, ma dovrebbero stargli vicino e controllare quello che sta succedendo. Soprattutto se il figlio o la figlia passa ore ed ore al pc e non esce più con amici veri siamo in presenza di una dipendenza da Internet che va immediatamente curata perché può portare all’isolamento completo. Si comunicano i propri sentimenti sui blog e non ci si parla più faccia a faccia, ora non si può trasformarsi in poliziotti e controllare ciò che scrivono, sarebbe invadere la loro privacy alla quale hanno diritto, però si può tentare di parlare con loro, magari invitare qualche amico o amica a casa, insomma cercare di distrarli dalla tastiera e dallo schermo, se neppure questo riesce è bene portare il figlio o la figlia da un Terapeuta con il quale potrà parlare finalmente in realtà e non in virtuale. Il pc è divertente ma se diventa l’unica modalità di comunicazione si finisce nell’isolamento più completo, si è totalmente avulsi dal reale, glia amici diventano quelli della chat o dei blog, il divertimento si trova su You Tube…..Quindi attenzione perché queste sono persone che hanno estrema difficoltà a relazionarsi con persone reali e trovano nel pc una modalità alternativa che però gli taglia fuori dal mondo e non fa che accentuare la solitudine della quale soffrono.

Continua a Leggere

Il bacio erotico tra sacro e profano (le ricerche attuali e il fascino storico culturale)

del Dottor Tassiello 

I nostri nonni si baciavano?  Nelle attuali culture tribali si baciano? I cinesi si baciano? A questo proposito un esperto del Tao così scrive: <<… Esiste un mito sui cinesi e il bacio. Molti occidentali sono fermamente convinti che i cinesi non si bacino. Certo i cinesi  non si salutano per la strada scambiandosi “beccatine“ sulle labbra o sulle guance, come i francesi o gli americani, ma non è questo il tipo di baci di cui stiamo parlando. Vi è un’enorme differenza tra il fraterno bacio sulla guancia e quel profondo, appassionato invito all’amore, in cui la bocca, le labbra e la lingua parlano senza parole. È difficile dire dove e come sia nata l’idea che i cinesi non baciano. Il Maestro dell’Amore Wu Hsien tratta estesamente il bacio erotico nel suo saggio “Le sorgenti delle tre cime“. Queste sorgenti producono essenze importantissime per l’armonia di Yin e Yang e tutta la struttura metafisica taoista …>>. Il bacio, nella sua semplicità, rappresenta un fenomeno estremamente complesso descritto dai poeti più illustri. Anche gli scienziati hanno fatto qualche tentativo; tra questi, Wilhelm Fliess, collaboratore di Freud, così scriveva a proposito del bacio: “Quando la dolce brezza primaverile risveglia la terra con un tiepido bacio, quando il tenero verde trasforma per incanto il freddo paese, quando i fiori si schiudono e le rondini fanno il nido e l’allodola sale alta nel cielo, quando foreste e campi si riempiono di gioia, allora il nostro petto si gonfia di desiderio e l’amore si mette a gemmare, a fermentare e a fiorire nei nostri cuori. E’ allora che i sessi si attraggono, e che gli esseri umani si sentono in profonda armonia con tutto. Mentre la morte annienta senza pudore, i sessi rinnovano la vita e la rendono immortale otre ogni annientamento“. Il bacio rappresenta l’essenza del comportamento amoroso, quindi dell’Amore, quale antidoto alla morte (A = negazione; mors = morte). Il bacio è vita. Pensiamo a come gli uccelli alimentano i loro cuccioli, con il becco. Gli antropologi asseriscono che, anticamente, le mamme nutrivano i loro neonati masticando il cibo (non c’erano gli omogeneizzati!) e imboccandoli bocca-bocca. Anche alcuni innamorati si dilettano in questo modo. Il bacio conserva una sua fondamentale validità, perché, attraverso di esso, oltre al piacere eccitativo, passano alcune sostanze ormonali, indispensabili per il miglior funzionamento sessuale. Nel contatto orale viene facilitato il “travaso salivare“, ed il passaggio di ormoni dall’uno all’altro. Gli studi del Prof. Emmanuele Janini dell’Università dell’Aquila, dimostrano che i fluidi salivari del maschio hanno una maggiore concentrazione di testosterone nella fase di eccitazione; mentre quello femminile ha una maggiore concentrazione di estrogeni. Gli estrogeni femminili “donati“ al maschio, durante il “famigerato“ bacio hanno un effetto che il Prof. Janini paragona a quello del Valium, cioè di un calmante naturalissimo (che più naturale non si può) e dolcissimo, che sgorga copioso da alcune “fontanelle“ poste in concomitanza dell’attaccatura inferiore della lingua, e che conferiscono al fluido femminile un aroma e un gusto dolce ed inebriante. L’effetto di tale calmante naturale può essere facilmente intuibile da quegli uomini che soffrono di E.P. Ma anche per la partner femminile il contenuto del fluido salivare maschile, cioè la maggiore concentrazione di testosterone, ha un effetto particolarmente utile e funzionale! Pensiamo ad esempio al calo del desiderio e alle  frequenti forme di anorgasmia femminile, che vengono “erroneamente“ definite frigidità.
Sul tema vitale ed essenziale del bacio erotico mi piacerebbe avere spunti e osservazioni, oltre che suggerimenti e integrazioni per un confronto personale oltre e più che professionale. 
 

Continua a Leggere