“NATA VIVA” di Zoe Rondini edizioni Gruppo Albatros il Filo Aprile 2011 di Alessandro Leggieri

Nata viva di Zoe Rondini

Recensione a cura di Alessandro Leggieri per www.piccologenio.itSono sorretta da molti cuscini: non ho forza nei muscoli, sono come una bellissima bambola di pezza, lancio delle intense occhiate a mamma e nonna: è l’unico modo che ho di comunicare”.

E’ in questo modo che l’autrice descrive il momento del ritorno a casa dall’ospedale dopo essere sopravvissuta alla propria nascita; si perché Zoe, dopo essere uscita dal ventre materno, non respira e non può esprimere la sua gioia di vivere con il consueto pianto che tutte le mamme aspettano di sentire come segno che tutto si è concluso per il meglio. Il pianto arriverà solo dopo cinque minuti, purtroppo non senza conseguenze permanenti.

Un po’ diario autobiografico, un po’ romanzo di formazione, “Nata Viva” è il racconto di un’esperienza di crescita. Racconto che non è solo un resoconto degli accadimenti ma anche sostegno, come sottolinea l’autrice stessa, nei momenti difficili.

Particolarmente difficile è stato per Zoe il periodo dell’adolescenza. Dopo la separazione dei suoi genitori, il padre naturale si fa sempre più assente, un dolore che l’autrice decide di tenere per sé e solo accenna. Principale figura paterna diventa allora Rickie, il nuovo compagno della madre con il quale Zoe instaura un ottimo rapporto. “Rickie era così, riusciva a trasformare le piccole cose in qualcosa di speciale e sempre divertente: (…) ed era sempre pronto a scherzare e giocare con tutti”. 

Improvvisamente, all’età di tredici anni, Rickie muore lasciando un vuoto profondo nel cuore di chi gli voleva bene. “Rickie non c’era più (..). ma io conservo ricordi dentro di me e li scrivo sulla carta in modo che non sbiadiscano”. E’ in questo modo che Zoe inizia l’avventura della scrittura.  “In quegli anni trascorrevo interminabili pomeriggi a casa e scrivevo era l’unica cosa che potevo fare senza l’aiuto di nessuno”. La scrittura diventa allora per l’autrice anche un’ancora di salvataggio nei confronti della solitudine, della tristezza e della noia.

Comincia in questo periodo la consapevolezza delle “profonde diversità” che portano l’autrice ad un isolamento forzato dai coetanei. “Mi perdevo in lunghi ragionamenti su cose che per gli altri erano banali: il passare del tempo, l’avvicendarsi delle stagioni, i legami tra le persone che conoscevo”. E’ solo attraverso questo “riflettere tra me e me” che l’autrice diventerà consapevole dei propri limiti e delle proprie capacità. 

Accanto ad episodi prettamente adolescenziali come un pomeriggio passato sulle transenne dell’entrata di una discoteca in attesa delle amiche che non si presenteranno, episodio però significativo in quanto testimonianza di un’autonomia voluta e ricercata, l’autrice ci narra anche di “sostegni buoni e cattivi”, di azioni banali che diventano difficoltose per l’incapacità di prendersi delle responsabilità da parte degli adulti. E’ così che durante le medie Zoe deve attendere la madre alla fine delle lezioni per andare in bagno in quanto né bidelle né professoresse si prendono la briga di accompagnarla al piano di sopra per paura che possa succedere qualcosa e loro possano andarci di mezzo

Come un filo d’Arianna nel labirinto di quel periodo della vita che trasforma ognuno di noi da bambini in uomini e donne, Zoe ci conduce attraverso episodi piccoli e grandi  e ci svela il suo personale percorso; un percorso più tortuoso della norma ma che alla fine porterà l’autrice ad un elevato grado di comprensione ed accettazione delle difficoltà legate alla propria condizione sia per sé che per gli altri.

La lettura di questo romanzo di formazione è consigliata ad adolescenti, giovani, genitori, docenti, presidi, insegnanti di sostegno e nonni. È un romanzo di formazione a tutti gli effetti (è un racconto non un saggio sulla disabilità) ma può essere anche di insegnamento per chi, adolescente, cerca la sua strada e la propria identità dentro e fuori dal gruppo, dalla famiglia, dalle convenzioni… o quasi…! A chi l’ha già trovata e desidera aiutare i più giovani che si stanno ancora cercando e scoprendo!

Zoe Rondini è una scrittrice, blogger e giornalista; il suo blog è www.piccologenio.it. È laureata in lettere e pedagogia. Da anni la sua scrittura si incentra sui diritti delle persone disabili ma anche su  cinema e le tematiche pedagogiche sue grandi passioni. Ha anche pubblicato su altri siti, blog, giornali on-line e su “La Vita dell’Infanzia”: la rivista italiana della Montessori. Ultimamente si è dedicata ad un’altra importante tematica: nel suo blog sono presenti molti articoli sull’amore la sessualità e la disabilità. Sogna di avere più visibilità sui media per far sentire la sua voce a favore dell’infanzia e dei disabili. Nata viva è la sua opera prima.

 

 

1 risposta a ““NATA VIVA” di Zoe Rondini edizioni Gruppo Albatros il Filo Aprile 2011 di Alessandro Leggieri”

  1. Macahu scrive:

    Dove comprare “Nata viva

    È possibile ordinare “Nata viva” in tutte le librerie d’Italia.

    È consigliabile comprarlo direttamente alla casa editrice:
    È possibile ordinare Nata viva alla casa editrice, scrivendo a:
    ordini@ilfiloonline.it
    o per comunicazioni relative alla distribuzione in libreria:
    distribuzione@gruppoalbatros.com

    E presso il sito internet:
    http://www.ilfiloonline.it/index.php?page=shop.product_details&flypage=flypage.tpl&product_id=274455371&category_id=11&option=com_virtuemart&Itemid=239&vmcchk=1

    Alcune copie sono già presenti presso:
    Libreria Manzoni, Viale Parioli 16L (Roma).
    Libreria Il Filo, Via Basento 52 (Roma).
    Libreria Mdd Bookshop via Ascanio Sforza, 37 (Milano).
    Il libro è acquistabile online presso i seguenti siti:
    http://www.ilfiloonline.it/index.php?page=shop.product_details&flypage=flypage.tpl&product_id=274455371&category_id=11&option=com_virtuemart&Itemid=239&vmcchk=1

    http://www.deastore.com/libro/nata-viva-zoe-rondini-gruppo-albatros-il-filo/9788856743036.html

    http://www.ibs.it/code/9788856743036/rondini-zoe/nata-viva.html

    http://www.bol.it/libri/Nata-viva/Zoe-Rondini/ea978885674303/

    http://libri.dvd.it/altri-generi/nata-viva/dettaglio/id-3309930/

    http://www.libreriauniversitaria.it/nata-viva-rondini-zoe-gruppo/libro/9788856743036

    http://www.amazon.it/Nata-viva-Nuove-voci-Rondini/dp/8856743035

    http://www.webster.it/libri-nata_viva_rondini_zoe_gruppo-9788856743036.htm

    RICONOSCIMENTI E RASSEGNA STAMPA PER L’OPERA “NATA VIVA”:

    Il volume “Nata viva” ha ottenuto diversi riconoscimenti ai seguenti premi letterari:

    Finalista al Premio Firenze 2011 – Centro culturale Firenze Europa “Mario Conti” – XXIX Premio Firenze sezione D -narrativa edita.

    Segnalata al concorso letterario “Premio nazionale di letteratura Prof. “Francesco Florio” 23 edizione 2011 – Licata” con un diploma di elogio, ottenendo il punteggio di 93/100.

    Menzione d’onore con diploma di merito al Premio nazionale di poesia, narrativa e fotografia “Albero Andronico” V edizione.

    Semifinalista e Menzione d’onore con diploma di merito al XVIII Premio letterario internazionale “Trofeo penna d’autore” nella sezione A: libri narrativa e saggistica.

    Rassegna stampa
    - Recensione di Nata viva a cura di Enrico Arata
    http://www.piccologenio.it/2014/04/11/recensione-di-nata-viva-a-cura-di-enrico-arata/

    -Arte e cultura, Nata viva di Zoe Rondini
    http://www.comune.torino.it/pass/artecultura/nata-viva/

    - Disabilità come risorsa. In un romanzo autobiografico, il racconto di un esistenza vissuta con fede ed energia di Domitia Caramazza, per il settimanale “a sua immagine”
    http://www.piccologenio.it/2013/11/07/disabilita-come-risorsa-in-un-romanzo-autobiografico-il-racconto-di-un-esistenza-vissuta-con-fede-ed-energia/

    - Disabilità e discriminazioni: l’appassionante racconto di Zoe Rondini, articolo apparso sulla rivista “Near, più vicini più uguali” che si occupa di contrastare ogni forma di pregiudizio e discriminazione.

    http://www.retenear.it/2013/07/disabilita-e-discriminazioni-l-appassionante-racconto-di-zoe-rondini/

    - incontrare Pinocchio – lettura di “Nata viva” di Matteo Frasca

    http://www.piccologenio.it/2013/10/26/incontrare-pinocchio-lettura-di-nata-viva/

    - Nata viva, ovvero… sul bello di esistere di Gianfranco Chieppa
    http://www.piccologenio.it/2013/04/17/nata-viva-la-storia-di-una-persona-nata-si-viva-ma-consapevolmente-esistente/

    - Nata viva
    07 Settembre 2012
    Di Riccardo Rossi
    Zoe nei primi cinque minuti di vita non ha respirato. Nel suo libro si racconta. Oltre alla sua disabilità ha dovuto superare tanti dolori e preconcetti. Ora che ha 31 anni ed è laureata, ha tanti progetti, un sito in cui tratta temi di disabilità e cerca di aiutare chi si trova difficoltà…
    FONTE: http://www.goleminformazione.it/recensioni/libri/nata-viva.html

    - Zoe commuove: “Io, disabile ma più che viva”di Assuntina Morresi, uscito su “Avvenire”nell’inserto È vita, il 5 gennaio 2012. http://www.salutefemminile.it/Template/detailArticoli.asp?IDFolder=176&IDOggetto=7871

    - “Un libro sulla ricchezza interiore dell’handicap” di Maurizio Fabbri, uscito sulla rivista Educazione alla Salute – periodico dell’Associazione Italiana Studio Malformazioni e della Fondazione ASM per la Salute dell’Infanzia, gennaio/marzo 2012. http://www.piccologenio.it/2012/04/28/un-libro-sulla-ricchezza-interiore-dell%e2%80%99handicap/

    -Gruppo di Lettura: “Nata Viva” di Z.Rondini Recensione a cura di Federico Sinopoli Fonte: http://www.scrittorisommersi.com/gruppo-di-lettura/gruppo-di-lettura-%E2%80%9Cnata-viva%E2%80%9D-di-z-rondini/

    -Articolo su “Nata viva”, uscito sull’Osservatore Romano il 26 luglio 2012 Dall’inserto “donne chiesa mondo”.
    Scritto da Giulia Galeotti.
    Fonte: http://www.piccologenio.it/2012/07/30/articolo-su-%e2%80%9cnata-viva%e2%80%9d-uscito-sull%e2%80%99osservatore-romano-il-26-luglio-2012/

    Apprezzamenti a Nata viva da Massimo Gramellini, Fausto Bertinotti e Susanna Tamaro
    http://www.piccologenio.it/2013/07/06/massimo-gramellini-e-fausto-bertinotti-hanno-apprezzato-nata-viva/

Rispondi

You must be logged in to post a comment.