l’esperienza del tantra vissuta da una donna normodotata ed un uomo disabile. Due testimonianze a confronto per capire e sapere.

“Il sesso senza amore è un’esperienza vuota,  ma fra le esperienze vuote è una delle migliori!“. Woody Allen.

A volte la scintilla è diversa, coinvolge più sensi, coinvolge la parte emotiva. Ci si innamora.

 L’amore è coinvolgimento. Il rapporto a letto diventa dunque non solo un’esperienza fine a sé stessa, ma coinvolge la parte emotiva, è il coronamento di qualcosa già in atto.

Diciamocelo, perché no alle esperienze vuote (come le chiama Woody Allen) ma l’amore è tutta un’altra cosa. Ecco che arriviamo al massaggio tantra, un’esperienza di anima e corpo che mira a rilassare e far godere la persona. Di questa saggia pratica ne ho già illustrato la metodica ed i benefici in due articoli:

http://www.piccologenio.it/2014/09/19/benessere-ed-arminia-per-corpi-e-menti/ Benessere ed armonia per corpi e menti.

e http://www.piccologenio.it/2014/07/23/il-piacere-magico-del-massaggio-tantrico/ il piacere magico del massaggio tantrico.

Nel primo link sopracitato avevo parlato di come e quanto questa pratica si possa sostituire alla figura dell’assistente sessuale, almeno fin quando nel nostro Bel Paese non cambieranno le leggi.

Ora vorrei parlare di un’esperienza forte  vissuta da un mio amico disabile. Lo chiamerò Andrea  (nome di fantasia). Andrea  viene da una famiglia molto credente, è laureato in teologia ed ha molti amici sia preti sia parrocchiani. È una solida amicizia la nostra. L’educazione cattolica cha ha ricevuto gli ha trasmesso che il piacere fine a se stesso, la masturbazione, l’amore fisico non finalizzato alla procreazione, sono peccati mortali. Quante fandonie si raccontano pur di avere il controllo sui popoli! Nel confrontarci e discutendo della cosa gli ho proposto un’altra versione, la mia, secondo la quale non si dovrebbe credere cecamente a tutte le “regole“ della Chiesa in quanto molte di esse sono state decise da uomini e poco c’entrano Gesù, Dio, la Madonna ect. Ero talmente colpita e in qualche modo turbata da quanto e come tante persone “normodotate“ fossero riuscite a fare “il lavaggio del cervello“ ad un soggetto, che, ci tengo a precisare, ha un problema motorio, ma per fortuna nessun decifit cognitivo. Quando dipendi di più dagli altri ci vuole più tempo e fatica per crearti una propria identità, carattere e libertà di pensiero. Oltre a parlarci a lungo, per cercare di farlo ragionare con la sua testa e far un po’ di pulizia dalle idee della Chiesa, ho scritto l’articolo: Chiesa e sessualità nella storia. Chiarimenti su luoghi comuni, modi di dire sull’amore fisico. Visibile al link:

http://www.piccologenio.it/2015/03/03/due-in-una-carne-chiesa-e-sessualita-nella-storia/

Venendo al punto di questo mio articolo, Andrea mi ha espresso più volte il suo desiderio di emanciparsi e di fare un’esperienza sessuale. All’inizio non me la sono sentita di prendermi la responsabilità di aiutarlo: il suo desiderio era legittimo e giusto, ma se ci avessero scoperto i suoi amici di Chiesa che ne sarebbe stato di noi? A quale punizione andavamo in contro? Forse la crocifissione come nostro Signore o meglio finire al rogo allungando la lista degli eretici?!

Mi sono consigliata con alcuni amici, tutti mi dicevano di aiutarlo a trovare, come desiderava, una brava massaggiatrice tantra. Il suo desiderio era nato dopo aver letto il mio articolo dove accostavo i benefici di tali pratiche ai bisogni e desideri delle persone disabili. Da prima l’indecisione… ma poi la decisione: aiutarlo era cosa buona e giusta!  La cosa mi è risultata  semplice… ho fatto delle ricerche e poi ho fornito un paio di contatti al mio amico. Sapevo che stava per fare una bellissima esperienza, in fondo cosa c’è di male? A chi faceva un torto essendo lui single? È vero che preti, suore ed amici parrocchiani gli avevano fatto il lavaggio del cervello, ma per fortuna non erano riusciti a spengerli il desiderio di amore, dolcezza e attenzioni che andava tanto cercando. I giorni prima dell’appuntamento Andrea  era curioso più che emozionato. Io ero felice per lui ma allo stesso tempo avevo paura che qualcosa andasse storto, che questa massaggiatrice non fosse brava o non avesse il giusto tatto. Ma pensavo anche il tantra è una cosa bella, il personale deve essere qualificato… mi chiedevo, perché mi sto facendo tante domande?

Dopo il massaggio mi ha chiamata per ringraziarmi. Era stata un esperienza bellissima, a suo dire si erano scambiati amore, attenzioni e coccole; si era rilassato come poche volte in vita sua. Poche sere dopo ci siamo visti: ero curiosa e volevo sapere un po’ di più. L’ho visto raggiante, toccava il cielo con un dito era diverso da tutte le altre volte che ci vedevamo per andare al cinema, a teatro o a cena fuori. Era un po’ che non facevo felice una persona tanto quanto lui. Forse anche a me è servita questa esperienza più dei tanti convegni sull’amore, sessualità, assistente sessuale fatti da persone esperte e competenti; ma sono sempre persone “normodotate“ che teorizzano idee e diritti sul sesso di noi disabili. Forse sono utili per superare i falsi pudori sull’argomento, ma poi c’è un punto di incontro tra teoria e pratica? Se sì qual è? Le scelte che ho fatto io per conoscere l’amore e la sessualità, le ho fatte e messe in pratica da sola! Se tornassi in dietro le rifarei quasi tutte… ma mi chiedo: un aiuto concreto, in più da una persona disabile che conosce bene certe esperienze, non vale di più in tanti convegni che si traducono difficilmente in atti pratici? Non è meglio fare l’amore e fare sesso piuttosto che finire dagli psicologi a lamentarsi che gli amici non ci aiutano a vivere certe esperienze? Non avevo mai fatto una cosa simile: aiutare un amico a fare l’esperienza del tantra, ma se tornassi indietro lo rifarei. Certo un massaggio è solo un massaggio non ha nulla a che vedere con un rapporto di coppia, questo lo so. Ho spiegato al mio amico che quella persona era solo una massaggiatrice e che non doveva aspettarsi le belle cose che si hanno in un rapporto di coppia. Chiarito questo la contentezza di Andrea  era più forte e profonda, non si poteva scalfire con un mio ragionamento.

Per continuare questo mio articolo, ritengo il tantra una bella pratica e mi sento di consigliarla a tante categorie di persone, infatti molte donne normodotate hanno fatto questa esperienza. Ho già parlato di come e quanto sia positivo il tantra di per se, per una persona disabile, ma adesso voglio estendere il concetto alla vita di coppia ed in particolare alla donna “normodotata“. Ritengo occorra, per ben continuare un’antagonista alla storia di Andrea.

 Per fare ciò  mi servirò di alcuni passi ti una testimonianza trovata in rete:

(…) Di blocchi mentali ne avevo sempre avuti parecchi. Colpa della mia educazione, di tutti quegli anni (tanti, tra scuola dell’infanzia, elementari e medie) passati in istituti guidati dalle suore. Avevo difficoltà a lasciarmi andare, tante sere quando il mio compagno mi cercava io mi nascondevo dietro le solite scuse. Mal di testa, stanchezza. Così finivamo per addormentarci ognuno dal suo lato del letto. (..) Il tantra, ha cambiato il mio approccio verso il sesso e così sono riuscita a risolvere il mio problema. (…) Le sensazioni che provo diventano più forti e arrivano in ogni estremo del mio corpo, l’orgasmo viene da sé senza che io ci pensi o che io mi sforzi di cercarlo. Oggi ho 37 anni, e già da qualche anno, da quando sono riuscita ad avere il mio secondo orgasmo, il piacere fisico non è più un obiettivo: ora quando sono a letto penso solo ad ascoltare il mio corpo e a seguire le sue indicazioni. Prima, invece, restava tutto nella testa.

(..) Il mio compagno ed io  eravamo entrambi scontenti: c’era qualcosa che non funzionava e non riuscivamo a trovare il modo di ritrovarci e di affrontarla insieme. A 18 provai il mio primo orgasmo, poi non ritrovai quella sensazione per molti anni. (…) L’intimità fra noi era uno degli aspetti di questa crisi. Seduta sul divano, davanti alle prime immagini del dvd che parlava del tantra ero nervosa e un po’ in ansia. Ma mi sono detta: «Devi farti forza. Continua e vedi cosa succede». Ho provato la stessa cosa quando mi sono trovata nell’atrio dell’hotel per il “weekend di assaggio“. Perché dopo aver visto il dvd sia io che il mio compagno ci siamo incuriositi e abbiamo deciso di passare dalla teoria alla pratica, iscrivendoci a un seminario di due giorni gestito dall’istituto di tantra e counseling Maithuna. Certo, un’idea di cosa ci aspettava me l’ero fatta proprio guardando il dvd: respirazione, esercizi fisici. Per il resto, era davvero un’incognita che mi spaventava e m’innervosiva. Stefano, il mio compagno, era più agitato di me, ma ormai eravamo lì, e abbiamo scelto di andare avanti.

Dal punto di vista fisico gli esercizi che ci venivano proposti non erano difficili: abbiamo imparato a respirare con il diaframma e poi a collegare il respiro con i movimenti del bacino. La vera difficoltà riguardava la mente. Non riuscivo a lasciarmi andare e dovendo comunicare con il corpo (e con le aree genitali, poi!) non potevo proprio raccontarmi bugie: se una cosa non mi andava di farla, me ne accorgevo subito. Niente più scuse come stanchezza o mal di testa, i tabù me li sentivo addosso e non potevo far finta che non esistessero.

(…) In quel primo weekend non è successo niente di speciale, neanche a letto. Ma sono affiorate problematiche che adesso mi sentivo capace di affrontare. Compreso il nodo dell’orgasmo: sapevo che potevo averlo, in fondo era già successo, tanti anni prima. Solo che non sapevo come fare per arrivarci nuovo, e durante il sesso continuavo a pensarci e a ripensare a come riavvicinarmi a quella sensazione. Ma è stato proprio quando ho smesso di avere quel pensiero fisso che ci sono riuscita di nuovo. (…) La differenza rispetto a prima è che adesso so come posso arrivare al massimo del piacere, ed è questa sicurezza che ha cambiato del tutto il mio approccio al sesso.

Anche con Stefano, ormai, è tutto diverso: di sera niente più mal di testa, ci cerchiamo a vicenda. Sperimentiamo, cerchiamo di sentire il corpo in vari modi. E pensare che, dopo quel primo weekend e i primi corsi, per un periodo ci eravamo lasciati, scegliendo però di continuare a frequentare i seminari insieme. Man mano che affrontavo i miei tabù mi riavvicinavo a lui, fino al momento in cui abbiamo deciso di ritornare insieme. Adesso aspettiamo il secondo figlio, che nascerà fra pochi mesi.“

Bello ritrovare la sintonia, non abbandonare la nave, ma ansi farsi aiutare ed aiutarsi a vicenda. Aprirsi a qualcosa che va contro l’educazione (almeno da noi, ma è molto diffusa in altri paesi). Ritengo non sia qualcosa di peccaminoso ansi può essere una chance per molte donne, uomini, coppie e persone disabili.

Sono felice per Andrea, ma mi domando quante altre persone come me e come lui esistano. Quanti sono i disabili che provano certe emozioni e per quanti rimane un sogno irraggiungibile, o peggio qualcosa di peccaminoso da negare e reprimere. Non è giusto. Stiamo assistendo ad un cambiamento culturale che è ancora troppo lento. Poi le cose sono ancora affidate alle singole famiglie, e c’è da dire  anche che gli istituti, case famiglia, centri di riabilitazione, dove in teoria i disabili si potrebbero incontrare, conoscere e mettersi insieme sono fondati e gestiti da persone di Chiesa, che non sempre sono disposte a comprendere certe esigenze umane e spontanee.

Mi viene da citare e proporvi dei concetti di Osho, mistico e maestro spirituale indiano, che ben rispecchia la mia mentalità sull’amore, l’erotismo, i massaggi tantrici. Non a caso egli invitò l’uomo a vivere in armonia e in totale pienezza tutte le dimensioni della vita, sia quelle interiori che quelle esteriori, poiché ogni cosa è sacra e ricolma del divino. Parla così del tantra: “Il Tantra ti insegna a riaffermare il rispetto per il corpo, l’amore per il corpo. Il Tantra ti insegna a guardare il corpo come la più grande creazione di Dio. Il Tantra è la religione del corpo. (…) La prima cosa da apprendere rispetto al corpo, è disimparare tutte le sciocchezze che ti sono state insegnate su di esso. Altrimenti resterai spento, e non andrai mai dentro di te, e non andrai mai oltre. Comincia dall’inizio. Il corpo è il tuo inizio“. Ed è proprio questo rispetto per la persona, per la sua individualità che rende il massaggio tantrico un’esperienza unica a cui ciascuno di noi reagirà in modo differente; anche il massaggiatore, soprattutto se esperto, adotterà movimenti diversi in base alla persona, alle sue esigenze, ai suoi limiti, allo scopo di abbattere questi limiti e di liberarne l’energia repressa.

Concluderei con quello che Stefano Paggini,  Maestro di Massaggio Tantrico, dichiara essere il suo credo: “Ricevere un massaggio tantrico, e vivere così un’esperienza unica e benefica, dove intraprendere il cammino verso l’Essere liberi di Sé, è una grande opportunità aperta a tutti: non richiede né un noviziato né la dedizione ad una pratica, ma solo il desiderio di integrare nella vita normale e comune di tutti i giorni, l’intenzione di aprire porte e dimensioni percettive più ampie, dove trovare gli spazi per manifestare la propria Libertà“.

Ti potrebbero interessare anche: