Il tantra spiegato agli occidentali

Per imparare questo tipo di massaggio occorre tempo e pazienza: è necessaria una buona preparazione nel massaggio ayurvedico che fornisce un’ottima base professionale, infine ci vogliono anni per apprendere la pratica del tantra.

Questo tipo di esperienza non si improvvisa e non si può affermare di saperlo fare bene se si è troppo giovani e con pochi anni di formazione. Che cos’è il tantra? A cosa è utile? Com’è visto nella società occidentale? C’è differenza tra tantra, amore e sessualità? È adatto alle coppie? Cosa dicono gli autori in merito? Sono queste alcune delle domande alla quali questo articolo cercherà da fornire delle risposte.

Il mondo occidentale ha conosciuto questa antica disciplina Indiana solo nel XX secolo. È un fatto che in Italia l’offerta di massaggi tantra sta crescendo, ma spesso nasconde solo tentativi di prestazioni erotiche da parte di persone poco serie, o semplicemente massaggi da mani inesperte che si improvvisano per arrotondare e guadagnare facilmente.

Il massaggio tantrico è liberatorio ed energetico poiché libera i sette chakra da cui passa la nostra energia. Il tantra è legato al concetto di amore, di rispetto e fiducia in se stessi e nell’altro. Ci vuole fiducia ed empatia con l’operatore per un buon massaggio.

Dopo quest’introduzione, per far maggior chiarezza su questa pratica mi sembra rilevante proporre alcuni punti.

A cosa serve il tantra?

Per noi occidentali è difficile capire a cosa serva davvero il tantra e guardiamo questa disciplina in maniera un po’ sospetta. In realtà aiuta a sfruttare l’eccitazione sessuale in modo cosciente per accrescere l’energia vitale e dominare le emozioni. Il massaggio tantrico è un esperienza diversa dal fare l’amore e dal fare sesso; può essere usato anche per superare vergogna, tabù e pregiudizi.

Gli effetti del massaggio

 La cura e l’attenzione prestati all’armonia e alla fluidità durante il massaggio, il contatto “non interrotto“ durante la seduta, il silenzio, il ritmo, la circolazione energetica, facilitano in chi riceve il massaggio la scoperta o l’aumento della coscienza del proprio “schema corporeo“, insieme ad un aumento di sensibilità e di capacità percettiva sia del mondo esterno sia di se stessi.

 Per quanto concerne i benefici che la persona è in grado di trarne:

la respirazione viene attivata e resa più spontanea e facile;

la circolazione del sangue e della linfa vengono migliorate;

i depositi adiposi diminuiscono;

la digestione è facilitata;

il funzionamento dell’intestino migliora;

il sistema muscolare recupera altezza ed elasticità;

il sistema delle articolazioni è mobilitato e reso più efficiente.

C’è differenza fra sesso tradizionale e sesso tantrico?
Il sesso tradizionale, in genere dura meno del tantra. Il sesso tantrico, invece, prevede l’utilizzo di diverse tecniche, è multiorgasmico, va a risvegliare una grande energia (sboccando i chakra) questa energia rimane in circolo creando beneficio durante e dopo la “pratica“.

 Cosa sono i sette chakra?

I chakra sono i punti nevralgici del corpo umano nei quali si raccoglie l’energia circolante nello stesso, energia che si trasforma e viene rimessa in circolo.

Il tantra è adatto anche alle coppie?

Il tantra può aiutare alcune coppie a durare nel tempo. Insegnando e invitando a tenere presenti le differenze tra l’uomo e la donna sia sul piano sessuale sia su quello sentimentale. Esso, in alcuni casi,  può aiutare a riscoprire il desiderio e la passione a quelle coppie dove il rapporto sembra ormai piatto e annoiato; quando può venir meno il desiderio di continuare a condividere, scoprire, condividere e venirsi in contro.

Cosa consigliare ai massaggiatori meno esperti, ma che vogliono imparare?

Non è molto importante ricordarsi tutti i movimenti. E’ invece importante, soprattutto per il principiante, eseguire le tecniche con sincerità e spontaneità, concentrandosi sulla persona che si sta massaggiando. Con la pratica e col tempo, tutti i movimenti del Tantra diverranno spontanei, naturali, non più così calcolati o forzati. Con l’esperienza, tecnica e sensibilità si fonderanno assieme.

Cosa dicono gli autori in merito?

L’accademico Padoux spiega con queste parole il tantrismo: ” si può ammettere che il Tantrismo sia una categoria a parte e lo si può definire in generale come una via pratica ai poteri sovrannaturali e alla liberazione; consiste nell’uso di pratiche e tecniche specifiche (rituali, corporee e mentali), che sono sempre associate a una dottrina particolare.”

Madeleine Biardeau riassume le dottrine tantriche come “un tentativo di porre il desiderio, in ogni suo significato, al servizio della liberazione.”

Prabhat Ranjan Sarkar filosofo indiano, parla del concetto della parola “tantra“: “Il significato del termine tantra è liberazione dal legame. I praticanti del tantra più elevato dovrebbero possedere ampie visuali, rinunciando a  promuovere il benessere altrui. Superando in tal modo, diversi ostacoli mentali.“

In conclusione il massaggio tantra, se fatto da mani esperte può essere un’esperienza “importante“ e gratificante. C’è anche da precisare che un operatore “serio“ non deve avere un rapporto sessuale con la cliente poiché ciò non è previsto nella pratica del tantra.

Leggi anche:

l’esperienza del tantra vissuta da una donna normodotata ed un uomo disabile. Due testimonianze a confronto per capire e sapere.

Il piacere magico del massaggio tantrico

L’esperienza di piacere intenso

Il segreto del piacere femminile

 

 

Continua a Leggere

Un nuovo sole illumina i fedeli. Due Papi per accoglie la famiglia moderna

“il desiderio di famiglia resta vivo, specie fra i giovani e motiva la Chiesa“, si apre con queste parole l’attesa esortazione apostolica di Papa Francesco sulla famiglia, “Amoris Laetitia” (“La gioia dell’amore”). Raccoglie il frutto dei due Sinodi dei vescovi (ottobre 2014 e ottobre 2015) dedicati alle sfide della famiglia oggi nel mondo.

Finalmente in “amoris laetitia“ il Papa analizza la situazione famigliare riconoscendo la sua ricchezza e diversità. Ha fiducia nelle coscienze delle persone, dice che la Chiesa non deve condannare bensì accogliere.  Si apre a tematiche importanti della vita di coppia e dei singoli individui, quali la bellezza dell’amore, la sessualità, rispettando i vari percorsi delle persone, considerando anche le situazioni difficili, “ferite“ che appartengono alla nostra società, riconoscendo che non ci può essere una norma complessiva, ma è più giusto valutare caso per caso.

Ci sono voluti secoli e secoli di storia e di errori, ma forse questo Papa riesce a aprire la Chiesa ad una visione più attuale e realistica delle cose pur non potendo contare sull’appoggio di tutti i cardinali.

Tornando al suo messaggio, il Papa, ha anche spiegato che la sessualità “è un regalo meraviglioso” che Dio ha fatto alle sue creature, non un elemento da condannare o da vivere solo come “costrizione del matrimonio“, o altresì come “finalizzata e funzionale“ per la procreazione. “In nessun modo possiamo intendere la dimensione erotica dell’amore – sottolinea Bergoglio – come un male permesso o come un peso da sopportare per il bene della famiglia, bensì come dono di Dio che abbellisce l’incontro tra gli sposi”. L’amore è anche e soprattutto passione. La sfera emotiva è coinvolta a pieno nell’innamoramento iniziale, nella fedeltà vissuta reciprocamente nel tempo, nell’amore verso i figli, nella sessualità, e nell’invecchiare insieme.

Papa Francesco parla di amore e sessualità anche in rapporto all’educazione dei giovani: “Educazione all’amore, alla reciproca donazione. I giovani devono potersi rendere conto che sono bombardati da messaggi che non cercano il loro bene e la loro maturità. E’ invece importante insegnare un percorso sulle diverse espressioni dell’amore, sulla cura reciproca, sulla tenerezza rispettosa, sulla comunicazione ricca di senso”.

L’amore, la passione, i sentimenti, la fede si fondano sul senso e sulla fiducia reciproca, quindi perché condannare?

Papa Francesco ha parlato della “vivacità della Chiesa Cattolica, che non ha paura di scuotere le coscienze anestetizzate o di sporcarsi le mani“. Di certo colpiscono le parole sulla realtà di oggi pronunciate da Sua Santità, che è riuscito ad aprirsi senza rinnegare i principi della religione cristiana. Forse sta arrivando a “dischiudere e modernizzare“ la Chiesa su alcune esigenze dalla nostra società come ad esempio dare la comunione alle persone divorziate. “Misericordia” è la parola chiave per capire qual è l’atteggiamento che il Papa propone per far fronte alle diverse sfide e fragilità che la famiglia incontra nel mondo. “Accompagnamento”, “integrazione”, “gradualità”, “comprensione”, questo lo stile che il pontefice chiede alla Chiesa e ai suoi pastori per rivolgersi alle famiglie.“

Ma da dove deriva tanta innovazione? È un lento cammino iniziato “pochi“ decenni fa da Papa Wojtyla.

È del 1980 l’esortazione apostolica “familiars consotio“ di Giovanni Paolo II, che oltre al matrimonio pone attenzione sulla donna e sull’educazione dei figli: “vi è una coscienza più viva della libertà personale, e una maggiore attenzione alla qualità delle relazioni interpersonali nel matrimonio, alla promozione della dignità della donna, alla procreazione responsabile, alla educazione dei figli.“

Forse per Francesco e Giovanni Paolo II è chiaro che l’amore, la sessualità non sono aspetti “staccati e lontani“ dalla vita “normale“ e di fede.

In conclusione Papa Francesco ha ben chiaro il fatto che tanti fedeli si erano allontanati da una Chiesa che sentivano severa e distante. Un grande poeta latinoamericano, Octavio Paz, un non credente, afferma che la nostra società ha perso la capacità di amare, perché è in preda al pessimismo e alla confusione. “Il cuore si è avvilito”. Oggi dobbiamo affrontare una secolarizzazione, in cui predomina un tipo di uomo che ricorda quello descritto dal poeta: l’Uomo che è il nuovo Sole.

Continua a Leggere