Nata viva: il coraggio di ribellarsi ad un destino predeterminato

Dal sito Crederciperessere (http://crederciperesserci.blogspot.it/2014/05/nata-viva-il-coraggio-di-ribellarsi-ad.html)

C’è chi si trova “proiettato” nel mondo ed invece di scegliere la propria vita ed il proprio percorso decide di lasciarsi portare dalla corrente, o lasciarsi vivere  “a come viene”, alla meno peggio.
C’è invece chi comincia il proprio percorso con delle  difficoltà accessorie, con delle “barriere all’ingresso”, che gli impedirebbero di scegliere dove voler andare e chi essere, ma quel qualcuno proprio non ci sta e con determinazione e forza preferisce “scegliere di essere nel mondo”.
Perchè autodeterminarsi è un diritto di tutti, in quanto essere umano,  e non basta respirare per vivere… anzi tra vivere e sopravvivere c’è una bella differenza.

Zoe Rondini, autrice del libro Nata viva, edito da Albatros, ha con sè il coraggio di  compiere una scelta, non sempre facile ma sicuramente consapevole.

A fare la differenza sin da subito nella sua vita sono purtroppo i cinque minuti che tolgono il respiro in negativo.
Un’anossia di appena cinque minuti , un danno al cervello e la vita cambia, si complica…
E’ a quel punto che bisogna fare una scelta tra lasciarsi schiacciare dalle difficoltà, da una scelta che sembra imporcisi da parte delle circostanze o reagire e lottare per far emergere la propria essenza.
Ecco perchè Zoe sceglie con Nata viva di condividere il suo percorso esistenziale negli anni… il libro stesso è una sfida…

“Crederci fino in fondo – racconta Zoe (pseudonimo dell’autrice)  – diventa sfida quando gli obiettivi non sono utopici. Avere grandi bbiettivi ma raggiungibili e lottare giorno per giorno ci aiuta a raggiungere importanti traguardi”
Il libro racconta delle sfide ma anche delle sconfitte e delle amarezze, delusioni e ferite quotidiane. 

Perchè è anche e soprattutto attraverso la sofferenza che si approda alla consapevolezza di sè e si compie un percorso di concreta crescita.
Sulla strada sono tanti gli ostacoli per riuscire ad “incontrare” il proprio sè più autentico.
Più “tosti” degli ostacoli fisici, delle barriere architettoniche, sono le barriere pscologiche ed emotive, le chiusure del cuore e della mente di alcuni interlocutori.
“Non ho avuto molti problemi con le barriere architettoniche – continua l’autrice –  bensì con quelle culturali delle persone che non volevano capirmi ed aiutarmi (nel capitolo della scuola soprattutto).
Ma chi si sente veramente capito negli anni dell’adolescenza? Per questo Nata viva è un libro adatto a tutti: ai cosiddetti normali ed amche chi non ritiene di essere incluso nel concetto di “NORMALITA’.”.

Per riflettere insieme, per condividere pensieri ed emozioni, per sostenere in un percorso, per far sentire meno soli, quando la solitudine ed il senso di spaesamento interiore e sociale sembrano dilagare fino ad inghiottire la speranza.
La chiave di volta è l’amore: innanzi tutto quello per se stessi che poi esonda e si proietta all’esterno, permettendo di amare davvero l’altro da sè.
Amore da intendersi come un fiume, un flusso continuo, in grado di unire e di superare le differenze.
Ma anche un amore che si traduce in  desiderio di esplorazione corporea, in voglia di contatto.
“L’amore – ribadisce Zoe –  è un aspetto della vita comune a  tutti, disabili e non.
Tutti ci innamoriamo, ci eccitiamo, abbiamo impulsi e desideri. Forse l’amore e la sessualità ci rendono uguali nell’essere unici. Io, ad esempio, Io ho amato, sono stata non corrisposta, amata, delusa, desiderata e di nuovo innamorata.
Non mi rassegno agli stereotipi della donna oggetto, del disabile asessuato o continuamente voglioso… è per questo che nel mio portale www.piccologenio.it faccio sentire la mia voce con articoli su questa importante tematica. Solo che ancora siamo culturalmente lontani dal superare certi tabù”.

Perchè quelle differenze, che rendono il corpo diverso, a volte disarmonico e sgraziato per chi ha una disabilità grave o gravissima, troppo spesso fanno ancora paura e creano distanze incolmabili.
Innanzi tutto tra la voglia di autoesplorazione e conoscenza corporea rivolta verso se stessi e la possibilità effettiva di poter dar corso a questo desiderio a causa di gravi limitazioni funzionali, che inficiano a monte la possibilità di una reale intimità.
Si è prigionieri di un “corpo disobbediente” come lo definisce Mina Welby, che frustra e limita il rapporto innanzi tutto con se stessi, prima ancora che con un possibile partner.
“Proprio per questo, la figura professionale dell’assistente sessuale (attualmente la proposta di legge popolare è in discussione al Senato) rappresenta una figura importante, già riconosciuta in molti Paesi europei cosiddetti evoluti.
In Italia abbiamo ancora moti pregiudizi e false credenze, freni moralistici e rigidità indondate. Questa figura è, invece, ben vista da molte persone con disabilità e dalle loro famiglie. In presenza di una disabilità cognitiva o motoria grave questa figura professionale potrebbe veramente aiutare.
In caso di una disabilità più lieve queste terapiste dell’amore non dovrebbero sostituirsi ad un rapporto di coppia”.
Dicevamo che l’amore scaturisce innanzitutto da quello per se stessi, riverbero di quello per la vita.
Ecco perchè, paradossalmente, si può nascere vivi o essere morti emotivamente pur respirando. 

“Il mio amore per la vita – dice Zoe – nasce certamente dall’amore che si ha per gli altri e per se stessi, ma molto fa l’affetto e l’educazione ricevuta. La spinta ad ‘amare’ in ogni senso deriva dal  non accontentarsi e cercare di fare il massimo anche quando gli altri intorno fanno il ‘minimo sindacale’. Se parlo così non è per buonismo o dottrine religiose: penso sia solo un piccolo trucco per vivere più sereni”,
 Sull’onda del suo amore per la vita e della sua Determinazione Zoe non si arrende e persegue, dunque, i suoi obiettivi di vita.
Quali? Zoe li enuncia con una semplicità che incanta, facendo sorridere di alcuni rovelli mentali ed emotivi che ci rendono vittime e progionieri.
“Far conoscere Nata viva a sempre più persone. Portare a termine un’altra pubblicazione. Trovare un lavoro soddisfacente ed avere una vita sentimentale, affettiva e relazionale buona”.

Ti potrebbero interessare anche:
Intervista a Zoe Rondini su www.ilpiacerediscrivere.it (testo e foto)

1) Da quanto tempo scrive? A nove anni è iniziata la mia passione per la scrittura: io bambina avevo iniziato una fiaba, speravo di scrivere per altri bambini in un linguaggio, quello delle favole, che conoscevo bene. Dopo poco ho capito che ero ancora troppo piccola per un’impresa così ardua ed rinuncia. A tredici anni […]

Leggi di più
“NATA VIVA” VI ARRIVERà DIRETTAMENTE A CASA!

Sono felice di aver spedito circa 30 copie ci “Nata viva” nell’arco di quest’ultimo mese! Se me ne richiedete un numero considerevole di copie vi faccio un ulteriore sconto, (oltre a non farvi pagare le spese di spedizione) Vi ricordo che per chi ne volesse comprare una o più copie mi può contattare all’e-mail info@piccologenio.it o su […]

Leggi di più
Zoe Rondini su Slash Radio a parlare di Nata viva

    Di seguito il file audio dell’intervista di Luisa Bartolucci a Zoe su Slash Radio, la radio dell’Unione Italiana Ciechi. Si è parlato di Nata viva, è stato trasmesso il cortometraggio e sono stati letti alcuni brani dal romanzo. Buon ascolto!   Ascolta anche: Zoe a Radio Freccia Azzurra Lo spettacolo la Cantastorie Zoe, […]

Leggi di più