Vengo anch’ io… sì tu sì!

Quella del 2015 è stata la vacanza più lunga che io e mia sorella Fiore abbiamo mai condiviso. Adesso che siamo cresciute, adulte e ben affiatate, se si potesse e non ci fossero gli obblighi del lavoro, dello studio, gli impegni quotidiani, ho ben capito che con lei viaggerei tutta la vita. E non solo però; cosa più importante, anche se non ci dovessero essere le condizioni per “viaggiare“, ho scoperto che è per me lei sarebbe la compagna ideale per le tante possibilità che il tempo libero offre, senza spostarci troppo da casa.

 Il 2015 per me, non è stato un anno facile, tutt’ altro. Ed essendo il contatto con mia sorella profondo negli ultimi anni, a inizio estate si è resa conto che per me era complicato, nonostante mi fossi impegnata tanto e con largo anticipo, trovare un’ assistente che mi potesse accompagnare nel modo giusto a esplorare un luogo e che potesse essere anche la persona giusta per scambiare impressioni, emozioni, e mappe condivise. Ne avevo tanto bisogno. Chi rispondeva all’ annuncio, per diversi motivi, rinunciava pochi giorni dopo.  È stata lei a propormi di organizzare un viaggio insieme, all’ estero. Per la prima volta, da sole, fuori dall’ Italia, per un periodo di tempo più lungo della solita durata standard delle nostre “trasferte“ insieme.

Ci siamo rivolte ad un’ agenzia, declinando qualsiasi proposta di pacchetti organizzati, crociere, giornate calcolate al millimetro dove si vedono cento luoghi senza conoscerne davvero nessuno.  Su questo ci siamo sintonizzate entrambe. Oltre all’ affetto tra noi, che forse da solo non basta mai per godere di un viaggio condiviso, sono stati due gli aspetti fondamentali che ci hanno garantito relax, condivisione effettiva, rispetto delle esigenze personali. Innanzitutto Fiore, che tra le due è l’ esperta dei viaggi, ha sempre condiviso le sue idee con me, pretendendo che io decidessi con lei mete, luoghi e tempi. Mi sono sentita coinvolta anche in questo aspetto organizzativo, affatto scontato – a mio avviso –  quando una sorella normodotata e una persona con disabilità viaggiano insieme. Si corre il rischio  di essere sbilanciati nelle  aspettative o dell’ una o dell’ altra, cosa che noi non abbiamo mai corso, perché affiatate e rispettose  ognuna dei desideri dell’ altra. In questo, abbiamo trovato un tacito accordo strepitoso, che ci ha consentito un equilibrio ideale e reale insieme. Lei mi svegliava alle dieci, capendo quali fossero i miei tempi di recupero, diversi dai suoi, per la mia peculiare condizione fisica. Io, contenta di questa sua accortezza, beh… fino a sera non mi lamentavo di nulla, seguivo il suo ritmo stakanovista,  fortunatamente aiutandomi  con la  mia carrozzina, che uso solo quando viaggio e che con Fiore è diciamo… molto di supporto!

Di Stoccolma ricorderò per sempre la sua eleganza, il suo essere regale, e quindi va da sé la densità di musei di cui è costernata (pane per i denti per mia sorella) . Curioso è stato assistere al cambio della guardia del Palazzo reale. Personalmente ho trovato interessante e divertente un parco che riproduce le case, i mestieri, le usanze, la vita di questa città agli inizi del Novecento. Il parco è anche il museo all’ aperto  più grande d’ Europa. Menomale che al suo interno vi era un itinerario da fare a bordo di un trenino. Ora mi direte… Il trenino non è una cosa fatta appositamente per bambini e famiglie?… Avete ragione. Ma vi assicuro che per avere un’ idea di quello che si vuole visitare quando non si è disposti  a fare tanta fatica a piedi, il trenino è una gran bella invenzione per tutti. Di tutt’ altro fascino è il Museo dei Vichinghi e il galeone esposto. Ma ancora più interessante è la storia del galeone che per un errore di costruzione del suo baricentro, ecco,  durante il varo, colò immediatamente a picco a pochi metri dal molo. Quindi non ci furono molte morti e quasi tutti furono tratti in salvo.

Dopo alcuni giorni che con Fiore e la mia a sedia rotelle, giravamo come trottole ad una velocità inverosimile, ho apprezzato la lentezza del battello preso al porto di Stoccolma. Man mano che navigavamo  il panorama dell’ arcipelago  era caratterizzato dalla presenza di case (dei ricchi) e barche sugli isolotti, che creavano un paesaggio da set cinematografico e poi devo constatare che in Svezia hanno un ottimo gusto per tutto ciò che è arredamento, design, architettura in genere. La destinazione finale del viaggio in battello è stata l’ isola  più grande dell’ arcipelago, con tanto di … ottimo ristorante segnalato dalla guida e luogo ideale per fare shopping. Andando in giro mi sono accorta che le persone più anziane si muovevano liberamente e soprattutto a loro agio, con un deambulatore ultra moderno, leggero, stabile e maneggevole, insomma  una sorta di ritrovato fantascientifico in confronto ai modelli presenti in Italia che tutto sono tranne che maneggevoli, stabili e soprattutto leggeri.

Dall’ eleganza e la regalità di Stoccolma siamo state catapultate nella libertà, l’ allegria, la giovialità e l’ aria frizzante di Copenaghen (nonostante la malinconia del monumento de La Sirenetta di Andersen, che di sicuro non è tra le cose più belle della città). Abbiamo avuto la fortuna di trovare una sistemazione comoda, in una posizione centrale, vicino alle maggiori attrattive della città, tra cui il Parco Tivoli. Che è davvero qualcosa di unico: un parco divertimenti , ma con uno stile ottocentesco. È stato bello addentrarsi nel parco al calar della sera, perché abbiamo goduto di un’ illuminazione sapiente e suggestiva che imprimeva un’ atmosfera magica al tutto. Eravamo lì con l’ intento di fare una tranquilla passeggiata serale, senza partecipare necessariamente alle attrazioni, quando… io mi sono accorta che c’ era la pista delle macchine a scontro. A quel punto ho minacciato mia sorella di non tornare mai più in albergo, senza aver prima fatto un giro di scontri; anche se c’ era una lunga fila, entrambe non potevamo rinunciare, anzi… nell’ attesa ci siamo ancor più caricate. E comunque ne è valsa proprio la pena, perché ci siamo divertite come bambine, ridendo e urlando ad ogni scontro, per tutto il tempo.

Due sono gli aspetti che rendono Copenaghen una città energica e poetica insieme. Da una parte i suoi canali, attraversati sia a piedi che in battello. Lungo i canali era facile incontrare accoglienti “caffè“ e punti di ristoro dove poter godere del sole e della luce,  sempre diversa in tanti momenti della giornata. Le case galleggianti, così ben curate, ricolme di fiori e pulitissime, fanno di certo impallidire i trasandati maleodoranti barconi che purtroppo costeggiano il Tevere. Abbiamo avuto il piacere di imbatterci anche nel Street food Festival, accogliente sia all’ interno, con i capannoni che ospitavano stand a base di cibo da strada, provenienti da vari Paesi, si all’ esterno, dove io e Fiore abbiamo approfittato delle tante sdraio sulla riva del Canale, per rilassarci e… digerire al sole. Lì siamo rimaste a lungo, perché mia sorella ha passato a me “la palla“, nello stabilire i tempi della tabella di marcia di quella giornata.

Verso gli ultimi giorni della vacanza Fiore mi ha proposto un altro museo, tanto perché ne avevamo già visitati pochi. La mia prima risposta è stata “no, un altro no!“…  ma non si trattava di un museo delle antichità, quanto del Museo del Design con i più grandi nomi dell’arte contemporanea internazionale, in materia appunto di design. Un esempio per tutti che mi ha colpito: quelle che  vengono chiamate e indicate come SEDIE sembravano tutto, qualsiasi cosa, tranne che quelle: forme, misure e colori di ogni tipo, che hanno attraversato la storia dagli anni ’50 fino ai giorni nostri. Lo stesso parametro vale per lampade, posate, stoviglie, armadi, tavoli e tavolini vari, vasi e contenitori, cassetti e portaoggetti, letti, divani, poltrone.

Come già detto, molto spesso io Fiore  ci prendevamo il tempo per leggere insieme la guida, prima di recarci a visitare luoghi che suscitavano la nostra curiosità. È In uno di questi momenti che  Fiore  mi nomina l’ esistenza di Christiania. Per capire meglio si è inoltrata nella lettura. Ci siamo entrambe rese conto, mentre leggevamo,  che per poter visitare questa sorta di villaggio esteso all’ interno di Copenaghen, vi erano anche dei pericoli e delle situazioni da evitare, come per esempio fare fotografie a parte della comunità, in particolare ai pusher, che si trovavano non a caso nella Pusher street. Così abbiamo deciso di affidare la nostra sicurezza ad una sapiente guida del luogo, una domenica pomeriggio. E così grazie alla loquacità della signora e allo sforzo di mia sorella di tradurre tutto, ho capito tante cose.   Christiania nasce come un insieme di diverse comunità hippy, che dopo la seconda guerra mondiale, avevano occupato molte fabbriche abbandonate, che si trovavano nella zona industriale  della città. Il Governo per non dovere affrontare la situazione di tante persone ormai senza fissa dimora, ha lasciato piena autonomia nella possibilità di costituirsi in una sorta di città dentro la città. Christiania è un modello di società alternativa comunitaria. Infatti non esiste il concetto della proprietà privata. Tutti si danno da fare per migliorare la vita di ciascuno attraverso la vita in comunità. I salari sono bassi e tutti gli abitanti sono chiamati a contribuire come possono in caso di bisogno o necessità economica. Le case non vanno in eredità ai figli, perché – come già detto – nulla è di proprietà del singolo. Per avere un’ abitazione, bisogna rispettare i tempi di una lista d’ attesa. L’ equilibrio difficile, eppure duraturo, di questo modello sta incontrando resistenze fortissime e scontri accesi con il governo attuale, conservatore e ostile a tutto quello che Cristiania rappresenta. Sulla questione dei pusher la guida ha raccontato due cose fondamentali che mi hanno colpito. La prima è che appunto i pusher non vogliono essere mai fotografati, perché in quei paesi la droga non è legalizzata e quindi, se le foto vengono diffuse e arrivano ad essere usate dalla polizia, sono “rogne“ per loro.  La seconda è che nella Pusher street è vietato correre. Vi chiederete… perché non si può correre? Me lo sono chiesto anch’ io. La spiegazione è stata chiara, semplice e sensata. Se una persona corre in quel luogo, i pusher pensano che questi stiano scappando dalla polizia. Per evitare problemi e malintesi di sorta, hanno inserito questo divieto. Un’ altra particolarità di quel luogo è la musica e tantissimi americani del calibro di Bob Dylan, si sono esibiti sul palco di Christiania.  Al di là di tutto quello che di interessante ci ha raccontato, ho trovato in lei una persona simpatica, sensibile ed accogliente. Quando mi ha visto in sedia a rotelle, ha sorriso dicendomi che quasi quasi mi avrebbe messo in una specie di grandissimo cesto, posto davanti la sua bici. Ho talmente apprezzato un commento del genere, che quasi quasi le avrei chiesto di adottarmi, per entrare a far parte anch’ io, come potevo, della comunità degli hippies. Finito il giro, la nostra fenomenale guida ci ha lasciato in un grazioso negozio di artigianato all’ interno di Christiania. Ma io, forse sorpresa e incantata da tutto quello che avevo a scoperto, ne volevo ancora e ancora. E così ho chiesto a mia sorella di continuare, ora che eravamo ben istruite, il nostro giro da sole. E lei ha acconsentito. È però nella nostra sosta ad un bar, sempre dentro al Villaggio, che mia sorella, accorgendosi della mia felicità e dal mio essere appagata dalle storie e dalle ragioni che il luogo incarnava, ha avuto il dubbio, anzi… quasi la certezza che non sarebbe riuscita più a schiodarmi da lì. Persino la presenza di un lavapiatti italiano, in quel bar, era per me – al contrario di Fiore che era convinta che quell’ uomo non fosse così felice a fare quel mestiere – era invece per me la prova magari di una scelta di vita, piuttosto che immaginarsi dentro la routine e la gabbia di un lavoro d’ ufficio dentro le chiusure e i pregiudizi di una vita infelice trascorsa in Italia.

Quando si viaggia e si fa turismo in un Paese diverso dal proprio è giusto, spontaneo e positivo notare anche le differenze culturali e sociali. Da persona con disabilità motoria, sono rimasta colpita dal vedere come in questi Paesi, la diversità non rappresenti un ostacolo: né da un punto di vista mentale, culturale, né dal punto di vista fisico. A tale proposito ho notato un signore comodamente seduto sul suo motorino elettrico che si trovava ad un tavolo all’ interno di un fast food. Ora, la riflessione è venuta da sé: in molti punti di ristoro di Roma, la mia città, è un caso fortuito se un persona in sedia a rotelle possa mangiare ai tavoli all’ esterno del locale… figuriamoci quando si tratta dell’ interno. E a maggior ragione proviamo ad immaginare se a posto della sedia a rotelle il disabile porti con sè uno scooter elettrico più ingombrante. Cosa succederebbe? Ma questo è solo un esempio. Un altro “dettaglio“ che mi ha colpito è stata una gigantografia, in foto,  di due uomini che  si baciano in bocca all’ interno di una vetrina di un negozio di ottica. Adesso, io e mia sorella abbiamo apprezzato un’ apertura mentale di questa comunità nordeuropea rispetto ad un modello culturale interiorizzato in riferimento  non tanto all’ omosessualità , quanto al concetto di amore e attrazione, raccontabile e reso condivisibile  tranquillamente attraverso una foto dove sono due uomini a baciarsi e ad essere attratti l’ uno dall’ altro, per pubblicizzare un prodotto. Ora in Italia, un ‘ immagine del genere avrebbe acceso infiniti  dibattiti, sterili e meno sterili, pertinenti o non… sarebbe stata ancora una volta trattata o come una pubblicità progresso o come l’ ennesima provocazione per alzare polveroni stantii e vecchi. Per questo, quando l’ ho vista non  ho potuto fare a meno di sorprendermi per tanta freschezza e normalità che sapeva emanare. E proprio per questo ne ho parlato a lungo con Fiore. Per dire che secondo me, mettendo da parte per un momento il Vaticano e la Chiesa, in Italia ci sono tante persone che per motivi anagrafici, poca istruzione, poca cultura, poco confronto serio su modelli sociali altri cresciuti negli ultimi decenni, nonchè per la chiusura e la piccolezza anche “spaziale“ di tante provincie disseminate nel territorio in luoghi impervi e isolati, ecco ci sono queste tante persone e ristrette comunità  che non possono essere veramente toccate e coinvolte in questa trasformazione profonda e necessaria. Tutto ciò non vuole giustificare l’ arretratezza ma quanto meno, tale riflessione, mi aiuta ad analizzare le ragioni. Di sicuro dovremmo cercare il modo di far progredire la nostra società e i nostri modelli culturali, nonostante questa impasse, che piccola di certo non è.

Avviandoci verso la conclusione, mi viene da dire che la mia voglia di scrivere di questo viaggio vacanza  è stata motivata dal  grado di  benessere con cui l’ ho vissuta, grazie a Fiore, ai suoi ritmi che hanno incrociato i miei, al tanto divertimento e alle tante risate che ci siamo fatte, alle lunghe conversazioni avute con lei sui tanti livelli del viaggio condivisi insieme, al legame nostro, uscitone rafforzato da questa e da altre esperienze. Ma non solo la presenza di Fiore è stata motivo di questo mio benessere.  Anche tutti gli ostacoli che non ho dovuto subire nei luoghi che esploravo, l’ inesistenza di barriere architettoniche, le strade larghe e accessibili a tutti, la vista di tante persone con disabilità padroni dei loro spazi e a loro agio in ogni situazione; e poi le belle persone incontrate in tutte le occasioni di visita, le conversazioni piacevoli, la gentilezza avuta nei miei confronti e rispetto alle mie difficoltà. A tale proposito, durante la vacanza, mi è venuto in mente la triste esperienza che ho avuto in un Centro Euronics quando,  stanca della lunga attesa in piedi, chiese ad una signora se potevo per cortesia passare avanti, evitando di stancarmi ancora e lei che mi risponde “Non vedo perché dovrei“. Io ho cercato una risposta che non attirasse inutili pietismi, ma tanto di sicuro lei non era il tipo. Con decisione, le ho solo motivato la mia esigenza dicendo: “Perché mi stanco a stare in piedi…“; ma poi non lo poteva capire da sola? Comunque era ben lontano da questo, visto che, con aria seccata, mi ha consigliato di chiederlo ad un signore davanti a lei, il quale, con aria altrettanto infastidita mi ha detto “Vabbè passi“. Ho pagato in fretta e ho lasciato il negozio e tutto il resto alle mie spalle, evitando ringraziamenti perché proprio non ce n’ era motivo. Ma tutto questo mi è venuto in mente mentre stavo fortunatamente nel mio benessere e in luoghi civili e meravigliosi, come tutto quello che vi ho raccontato.

Dunque la compagnia giusta, l’ accoglienza di chi ti ospita contribuiscono a trovare e a ricordare la bellezza delle cose che si incontrano, durante i nostri viaggi. Quindi, cercate di trovare sempre le compagnie ideali, cercando di informarvi prima sui tanti livelli che rendono memorabile – in senso positivo – anche la vacanza di una persona con disabilità . Vi segnalo due siti che si occupano proprio di questo, cioè di turismo sostenibile e disabilità:

  http://www.diversamenteagibile.it/   (collegato a Trivago)

 http://www.handysuperabile.org/chi-siamo/handy-superabile/   (associazione onlus).

Inoltre, per lasciarci con un sorriso e una speranza posto il video di Iacopo Melio e Lorenzo Baglioni, che sulla musica di “Vengo anch’ io, no tu no“ di Jannacci, costruiscono un testo geniale e divertente per denunciare l’ inadeguatezza del nostro Paese di fronte ai luoghi eternamente  irraggiungibili dalle persone disabili, che sia uno stadio o un appartamento di un amico.

https://www.youtube.com/watch?v=HtuMELyRVwk

 

 

 

 

 

 

 

 

Ti potrebbero interessare anche:
Una cena particolare

In quest’ultima settimana, sono andata a cena con un mio caro amico, che non vedo spesso, in quanto io vivo a Roma e lui a Milano. Trovandomi vicino a Milano – per visitare l’ Expo  – non potevo non approfittare per incontrarlo, anche solo per poco tempo. Ci siamo recati in un’ accogliente trattoria specializzata […]

Leggi di più
Avanti il prossimo

 racconto della redattrice È successo in un attimo. Era un pomeriggio di novembre del 2006, ero passata per quell’incrocio miliardi di volte. Quel giorno avevo fretta e poi c’era quel cartello “dare precedenza“. Ho rallentato, ma avevo un appuntamento ed era già tardi. Sono ripartita, il sole mi accecava, e poi un gran botto. Ho […]

Leggi di più
UNO SPECCHIO DIFETTOSO

ESERCIZI DI SCRITTURA FATTI PER IL LABORATORIO MENSILE DELL’ASSOCIAZIONE CULTURALE “BOMBA CARTA“  racconto della redattrice. Mi trovavo nel giardino dell’università, avevo appena finito le lezioni. Da lontano vidi una persona di spalle, la notai perché camminava male, feci più attenzione; camminava proprio come me. Stava andando al bar. Accelerai il passo ed entrai anch’io. C’era […]

Leggi di più